Italiano
Facebook
Instagram
Twitter
‹ Ritorna al programma

Sta per piovere

..
..

Sezione

Concorso 16-20

Regia

Haider Rashid

Nazione

Italia/Iraq /Emirati Arabi/Kuwait

Anno

2013

Produzione

Radical Plans

Credits

Sceneggiatura

Haider Rashid

Fotografia

Alessio Valori

Montaggio

Haider Rashid

Musica

Tom Donald

Interpreti

Lorenzo Baglioni, Mohamed Hanifi, Giulia Rupi, Amir Ati

Lingua

v.o. italiano

Sottotitoli

Durata

91'

Fascia d'età

....

Il film

Dove è casa mia? In Italia, dove vivo da quando sono nato, o in quel Paese lontano che non conosco da dove vengono mamma e papà?". Queste le parole di Said, nome esotico per un caparbio ragazzo di 26 anni che parla toscano ed è nato a Firenze da genitori algerini.

Quando suo padre perde improvvisamente il lavoro, Said si vedrà negato il permesso di soggiorno e sarà costretto insieme al padre e al fratello a "tornare in patria", in Algeria, un posto che lui non ha mai neanche visto. La sua natura combattente lo spingerà dunque ad appellarsi agli avvocati e alla stampa, nel tentativo di attirare l'attenzione sul problema degli immigrati di seconda generazione, intrappolati nei meandri dall'assurda e anacronistica legislazione italiana.

..

Il regista

 

Haider Rashid è nato a Firenze nel 1985 da padre iracheno e madre italiana. All'età di 19 anni si trasferisce a Londra per studiare cinema ma decide in seguito di abbandonare gli studi e continuare a lavorare sul campo con il documentario Between Two Lands che affronta le storie della seconda generazione di esiliati iracheni di Londra e con il lungometraggio Tangled Up in Blue la prima co-produzione italo-irachena, che ha scritto, prodotto e diretto e continua la sua ricerca della patria perduta attraverso la storia di un iracheno di seconda generazione. Il film è stato distribuito in sala in Gran Bretagna ed ha partecipato ad oltre quindici festival internazionali, ottenendo i favori del pubblico e della critica e vincendo premi al Gulf Film Festival di Dubai e all’ I've Seen Films International Film Festival di Milano. Il suo secondo lungometraggio Silence: All Roads Lead to Music segue un gruppo di musicisti internazionali durante la creazione del gruppo The Silence Project. Il film, definito dalla rivista Variety come un lavoro "splendidamente e magistralmente costruito", è stato presentato in anteprima mondiale al Dubai International Film Festival e più recentemente al Seattle International Film Festival.

 

Dichiarazione del regista

“In questo caso c’è un problema legislativo poiché in Italia esiste una legge vecchia e scritta male che purtroppo viene interpretata dai giudici di pace e ogni funzionario ministeriale in maniera totalmente soggettiva. Di conseguenza si fatica ad avere fiducia nel sistema. Quando ho scritto il film, mi sono consultato con dei legali che si occupano dei temi della cittadinanza perché pensavo di aver descritto un caso limite. In realtà loro mi hanno confermato quanto la storia di Said sia un caso comune con il quale loro si confrontano quotidianamente. Paradossalmente Said è fortunato ad avere la forza d’animo di combattere perché ci sono persone che non hanno la forza né i mezzi per poter reagire ad una condizione così drammatica. In qualche modo Said ricalca l’archetipo dell’eroe classico per cercare di diventare un simbolo di cambiamento.”

Proiezioni

21 Novembre, 08:30 Cinema Forum
21 Novembre, 18:15 Espocentro

Downloads

Prima svizzera
Sponsor principale
Sponsor
Patronato